Il lavoro di Juan Eugenio Ochoa, artista nato in Colombia e residente a Milano, è incentrato sullo stravolgimento della consequenzialità della pittura accademica: la pennellata di Ochoa non illumina le diverse zone del quadro ma le nasconde.

I volti ritratti nelle sue opere sono definiti dallo stratificarsi di filtri, apposti come fogli di plastica colorata, attraverso i quali filtra una luce

che si impreziosisce di mille tonalità di colore.

PHOTOGALLERY